Azzurri da record a Bydgoszcz 2019

L’Italia arriva ad un punto e mezzo dal secondo posto nella classifica generale del Campionato Europeo a squadre 2019 di Bydgoszcz, piazzandosi quarta con 316 punti. La Germania, seconda con 317,5 e la Francia, terza con appena mezzo punto in più degli azzurri (316,5), ci lasciano fuori dal podio. Il quarto posto è comunque il miglior risultato di sempre per la nostra nazionale durante una “Coppa Europa”. Prima, inarrivabile dominatrice, la Polonia (345 punti).

Per i nostri colori arrivano 4 successi individuali; sui 100hs Luminosa Bogliolo stampa un 12’87 (con 1.2 m/s di vento contrario) che le regala il primo posto e fa sperare in un possibile futuro abbassamento del record italiano di Veronica Borsi, fermo a 12’76. Nei 3000m è invece Yeman Crippa a trionfare in 13’43″30. Le altre soddisfazioni derivano, tanto per cambiare, dai 400m maschili e dalla relativa staffetta. Davide Re infatti si appropria dei 400m con 45’35 e contribuisce alla vittoria nella 4×400 (con Edoardo Scotti, Matteo Galvan e Brayan Lopez), siglando un 3’02”04.
La 4×400 femminile corsa da Benedicta Chigbolu, Ayomide Folorunso, Rebecca Borga e Giancarla Trevisan in 3’27”32 è, invece, terza.

Stesso piazzamento per Alessia Trost nel salto in alto (1.94m), Benedicta Chigbolu nei 400 individuali (52’19) e Ottavia Cestonaro, al pb di 14.18 m nel salto triplo. La velocità maschile, inoltre, è straripante: Eseosa Desalu è secondo nei 200 in 20”69 , come Marcell Jacobs nei 100m (10’37 in finale con vento contrario, ma 10’09 in batteria). Altro argento è quello di Marta Zenoni e del suo 9’08”34 nei 3000m.

Da citare l’impressionante 7.11m di Malaika Mihambo nel salto in lungo femminile e come l’ 8.30m di Miltiadis Tentoglou nel maschile. Record dei Campionati nel peso per Michal Haratyk (21.83m). Vittorie agevoli, con buoni tentativi ad alte misure a gara già vinta, per gli astisti Ekaterini Stefanidi, vincente in 4.70m, e Piotr Lisek (5.81m).

Nella speranza che sia solo preludio di tanti podi nella classifica generale negli anni a venire, ci godiamo quest’ottimo risultato dell’Italia.

Nella foto le staffette 4×400 (Giancarlo Colombo/FIDAL)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.