Sette medaglie agli Europei Under 23

I Campionati Europei Under 23 svolti a Gavle, in Svezia, non hanno regalato vittorie alla nostra nazionale. Tuttavia i nostri atleti hanno conquistato 7 podi e molti piazzamenti importanti; se l’Italia risulta diciottesima nel medagliere è, invece, sesta nella classifica a punti per piazzamenti.

La prima medaglia è vinta dal toscano Leonardo Fabbri, secondo con 20.50m nel getto del peso vinto dal polacco Konrad Bukowiecki con 21.51m. Dai lanci arriva un’altra soddisfazione, con Sara Fantini che pizzica i 68.35m nel martello e si aggiudica la terza piazza.

Grazie a Linda Olivieri arriva un argento: nei suoi 400hs la vittoria le sfuma negli ultimi metri, quando, dopo aver stretto i denti resistendo all’ affaticamento, non riesce ad evitare di cadere arrivando a terra sul traguardo. 56’’22 per lei contro il 56’17” della belga Paulein Couckuyt, mentre Rebecca Sartori giunge ai piedi del podio con 56”93.

Nel salto in lungo Gabriele Chilà stampa un incredibile balzo di 8 metri, migliorando di 18 cm il personale ed arrivando al bronzo in una gara di alto livello: lo spagnolo Hector Santos a 8.19m e il greco Militiadis Tentoglou a 8.32m. Nell’altra specialità di salto in estensione Andrea Dallavalle salta al PB ed al terzo posto con 16.95m, in una gara che vede Tobia Bocchi al quarto posto con 16.59m.

Il grande ritorno per la nostra nazionale è quello di Marta Zenoni, terza nei 1500m con 4’23”96.

Nei 400 metri maschili, invece, c’è una sorpresa: Brayan Lopez sigla il super-primato personale di 46”16 e conquista il bronzo.

Nella foto: Linda Olivieri (Giancarlo Colombo/FIDAL)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.