Lo sapevi? Abbiamo lanciato l'app di atletipercaso per tutti gli smartphone Apple e Android. Scaricala subito cliccando sul pulsante qui sotto

iOS app su App Store undefined

oppure prosegui con la lettura
footworks

asafapowellGiornata nera per il mondo dell’atletica. Dopo la rivelazione di Tyson Gay risultato positivo ad un test anti-doping anche 5 atleti giamaicani hanno subito la stessa sorte.

Tutto è scaturito da un articolo pubblicato dal Jamaica Gleaner in cui veniva rivelato che 5 atleti della giamaica, 3 velocisti e 2 lanciatori, erano risultati positivi al doping. E’ partito subito il toto-doping. Un indizio che ha aiutato molto nella supposizione dei nomi era il fatto che due dei velocisti avevano vinto una medaglia d’oro alle olimpiadi (anche se considerando le staffette sono molti i giamaicani che hanno vinto un oro alle olimpiadi).

Bolt? Powell?


Il manager dell’attuale primatista mondiale ha subito dichiarato su Twitter che nessuno del gruppo di allenamento di Bolt è coinvolto nella vicenda scartando quindi molti nomi.

Ora tuttavia è arrivata la conferma dal Telegraph Sport. I tre velocisti coinvolti sono proprio Asafa Powell, Nesta Carter e Sherone Simpson.

A loro discolpa però arriva un aggiornamento del Jamaica Gleaner. Sembra infatti che la sostanza incriminata sia stata ingerita involontariamente dai tre velocisti durante un raduno di allenamento. Girano già voci infatti di una possibile causa legale contro il fornitore degli alimenti.

Asafa nel frattempo avvalora la totale involontarietà con un suo comunicato ufficiale.

Rimaniamo in attesa di ulteriori aggiornamenti.

AGGIORNAMENTO: Nesta Carter è risultato estraneo alla vicenda.

Robert Prezioso/Getty Images

Argomenti:

10 Commenti

  1. Andrea Cocchi ha detto:

    Veramente amareggiato! Quali sono i veri tempi con cui gli atleti si devono confrontare? Imbrogliare è come rubare!
    LADRI !!!!

  2. Mauro Altomare ha detto:

    Powell e Gay erano comunque “vecchi” se si fossero ritirati dopo Londra avrebbero avuto un glorioso ricordo…

  3. camininni ha detto:

    Non so perchè ma non mi stupisco….in Giamaica poi, una nazione con un numero di abitanti inferiore ad una grande metropoli non può produrre così tanti fenomeni. Qualcosa non va e non solo lì. Guardando i mondiali allievi in questi giorni c’è anche un altro tipo di “doping” di cui si parla e soprattutto si fa poco o niente, che riguarda l’evidente falsa età di alcuni partecipanti. Anche quello è un modo di imbrogliare gravissimo, soprattutto a danno di quegli atleti che veramente hanno 15, 16 o 17 anni….è ora di finirla!!!!

    • pierluigi ha detto:

      Concordo in tutto e per tutto. Ho visto diplomi stranieri dove l’unica cosa che riusciva a vedere era la cornice del diploma, figurarsi cosa poteva esserci scritto. Guardando il viso di alcuni “ragazzi” il dubbio viene; eccome. Se poi osserviamo i risultati…

  4. Alessandro Berdini ha detto:

    Troppi soldi ad alto livello ti fanno perdere la testa!

  5. Simone Vittozzi ha detto:

    Che schifo! è sempre triste sapere che un atleta di fama mondiale viene beccato che fa uso di doping, poi specialmente loro! Almeno speriamo che per Asafa sia stato un incidente..

  6. donatello ha detto:

    lui era l ultima persona da cui me l aspettassi !! il problema e che probabilmente ci sono altre persone che fanno uso di queste sostanze !!

  7. Matteo Beria ha detto:

    Se posso dire, ai mondiali non solo i giamaicani sembravano avere molto più di 17-18 anni ma anche keniani etiopi cinesi. Penso che una rete di controlli più distesa sulle varie fasce d’età servirebbe molto, per fare più chiarezza … di fianco mi sono trovato neri che avranno avuto moglie e figli !

    • Salek Bajaddi ha detto:

      non puoi dire che tutti quei atleti hanno un età maggiore di quella che hanno, ci sono alcuni che hanno un età maggiore ma ci sono anche altri atleti che crescono molto più velocemente, io ho visto certi atleti della Germania e della Norvegia che sembravano avere almeno 21 anni non credo che il loro caso sia diverso da quello dei keniani solo perché provengono da paesi sviluppati.

  8. Salek Bajaddi ha detto:

    non credo che il loro sia l’unico caso e nonostante ciò tutti meritano una seconda chance.

Lascia un commento


 

Traduzioni

  • Austrian
  • Deutsch
  • Danish
  • International
  • Suomi
  • Français
  • Magyar
  • Italiano

Atletica Insieme: l'...

Domenica piazza Navona, a Roma, ha visto l’atletica protagonista grazie alla manifestazione  [ Leggi Tutto ]

Alexandra, Serena e ...

Chiunque frequenti le piste di atletica le avrà viste almeno una volta,  [ Leggi Tutto ]

CDS Allievi 2017 Fin...

A Vicenza le finali dei campionati di società di Allievi ed Allieve  [ Leggi Tutto ]

FOTO: C.d.S. su Pist...

Si sono conclusi anche quest’anno i C.d.S. su Pista Allievi/e 2017. Tra  [ Leggi Tutto ]

FOTO: C.d.S. su Pist...

Secondo album fotografico dalle Finali Nazionali dei C.d.S. Assoluti 2017. La Finale B Nord-Ovest si  [ Leggi Tutto ]

AMSTERDAM2016: Tambe...

L’ultima giornata di gare per il team italiano è stata la più  [ Leggi Tutto ]

Positivo anche il ca...

Dopo Londra2012, niente Rio2016 per Alex Schwazer, salvo colpi di scena eclatanti,  [ Leggi Tutto ]

Daniele D'Onofrio e ...

Si è oggi corsa tra le strade cittadine della città toscana di  [ Leggi Tutto ]

I nomi dei 110 convo...

Ufficializzata oggi la lista dei 110 atleti che prenderanno parte ai raduni  [ Leggi Tutto ]

PECHINO: Tutti gli o...

Manca meno di una settimana all’inizio dei Mondiali di Pechino e l’attesa  [ Leggi Tutto ]

Atletica Insieme: l'...

Domenica piazza Navona, a Roma, ha visto l’atletica protagonista grazie alla manifestazione  [ Leggi Tutto ]

FOTO: 4° Athletic ...

Quattro Migliori Prestazioni Italiane sono cadute ieri durante le 4^ edizione dell’Athletic Élite  [ Leggi Tutto ]

FOTO: 2° Jump Exper...

Si è svolta ieri a Chivasso la seconda edizione del Meeting Internazionale  [ Leggi Tutto ]

Montagnani e Dester ...

Nonostante la prima giornata sia stata caratterizzata da un incessante vento, gli  [ Leggi Tutto ]

FOTO: Campionati del...

Da ormai una settimana siamo a Londra a seguire i nostri primi  [ Leggi Tutto ]

Social

facebook twitter instagram youtube Google+ rss

Android app on Google Play iOS app su App Storerss

Sponsor