News : Criteri di partecipazione ai Campionati Europei Indoor (Goteborg, 1-3 marzo 2013)

Qualche giorno fa il presidente della FIDAL, Alfio Giomi, e i direttori tecnici (Magnani, Silvaggi e Baldini)  si sono riuniti a Roma per presentare ai presidenti dei Comitati regionali e, ai fiduciari tecnici regionali il progetto del nuovo settore tecnico. In quest’ occasione sono stati anche definiti i criteri di partecipazione ai Campionati Europei Indoor (Goteborg, 1-3 marzo 2013).

Questi gli obiettivi principali: favorire una partecipazione allargata  con grande attenzione ai giovani (under 23 e juniores), migliorare l’esperienza internazionale degli atleti e  la valorizzazione del titolo nazionale assoluto, infatti saranno convocati di diritto tutti i campioni italiani 2013 (ad eccezione delle prove multiple, dove l’ammissione è definita dalla EAA).

Saranno prese in considerazione le prestazioni ottenute nella stagione invernale 2013, entro il 24 febbraio.

Prestazioni tecniche:

GARA UOMINI DONNE
60m 6.67 7.34
60m hs 7.70 8.10
400m 47.10 53.30
800m 1:48.50 2:02.50
1500m 3:42.00 4:12.00
3000m 7:56.00 9:03.00
Alto 2.27 1.92
Asta 5.50 4.40
Lungo 7.90 6.50
Triplo 16.80 14.10
Peso 19.00 17.00

 

7 commenti su “News : Criteri di partecipazione ai Campionati Europei Indoor (Goteborg, 1-3 marzo 2013)

  1. finalmente criteri più chiari. E speriamo che ponendo il titolo nazionale come condizione sufficiente alla convocazione, migliori il livello generale degli assoluti…

    1. Criteri più chiari un paio di palle. È sempre la solita fregatura.
      “Il conseguimento delle prestazioni sotto indicate è condizione necessaria ma non sufficiente alla
      convocazione per la manifestazione; la partecipazione resta comunque subordinata alla condivisione
      della programmazione dell’atleta.”
      Non è cambiato niente, l’atletica ad alto livello in Italia resta limitata…

      1. si forse hai ragione… però a mio avviso è molto meglio di prima. I campioni italiani aventi il minimo sono convocati, la direzione è quella giusta

      1. Ma significa che gli atleti delle prove multiple non partecipano per fortuna era la “valorizzazione del titolo nazionale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *