PALERMO : Morto un podista alla 18° Maratona di Palermo

Ha compiuto la maggiore età la Maratona di Palermo: con quella di domenica scorsa ha raggiunto le 18 edizioni  con grandi successi sia a livello nazionale che  internazionale . Quest’anno, però,  a causa dei tagli della Regione , Provincia e Comune il Presidente della maratona Toto’ Gebbia ha dovuto stringere la cinghia su tutti fronti.

Contrariamente l‘andamento generale delle maratone italiane in cui le iscrizioni sono in calo, la maratona di Palermo, nonostante i pochi fondi , risulta in crescita rispetto alla precedente edizione. Quest’anno sono stati raggiunti i 1500 iscritti di cui 200 in maratona e 1300 nel mezzo giro.

La vittoria è andata Mamo Batri Taye, etiope, con il tempo di 2h21’14” che ha condotto la gara dal primo all’ ultimo chilometro in solitaria;  al secondo e terzo posto si sono piazzati Biwott Nicodemus, kenyano, con il tempo di 2h28’12” e Cherenet Teshome Adane, anche lui etiope,  con 2h39’10”.

Nella femminile, vittoria per l’ atleta di casa della “Top Sport”  di Mazzarino (Siracusa)  Giusy Chiolo che concludendo in 2h59’59” ha battuto l’ etiope Tafesse Woldeamilak  (3’13″28); terza l’ atleta palermitana Marino Antonella della “Palermo h13,30” con 3h49’03”.

Nella mezza maratona invece il  podio è stato tutto siciliano, con al primo posto: Vito Massimo Catania dell ‘ “Atletica Amatori  Regalbuto”  che taglia per primo il traguardo in 1h13″18; al secondo posto troviamo Massimo Lusitano della “Podistica Messina” (1h15’01”) e al terzo il giovane Leonardo Lunetto  “Polisportiva a.p.b”  con 1h16’03” . Al femminile la vittoria è andata a Dalila Giulia Mazzeo (Gs 5 Torri Trapani) in 1h26’44” e al secondo posto Rosa Luchena del “G.S. Due sassi Matera” con 1h27’04”. A completare il podio c’è Caterina Gianò della “Podistica Messina” con 1’28″58.

Come in tutte le cose belle  e positive ci sono, purtroppo, anche le note dolenti e molto tristi.

Il podista Vincenzo Mutoli, 46 anni, della squadra dell’associazione Fiamma Rossa di Palermo infatt è stato colpito da un infarto poco prima del traguardo. Inutile l’intervento immediato  dei soccorsi. Mutoli, colto da malore, si è accasciato a terra di fronte al pubblico che stava assistendo alla gara.

Diversi i corridori che hanno cercato di aiutare il Mutoli, prestandogli soccorso. Nulla da fare. La vittima è stata così condotta alla camera mortuaria di Villa Sofia.

La gara non è stata interrotta, ma in segno di lutto e’ stata sospesa la premiazione.

Altro sfortunato incidente durante la competizione: un pedone è stato “investito” da alcuni atleti ed è finito in ospedale. Non si conosce però l’entità delle ferite riportate.

13 commenti su “PALERMO : Morto un podista alla 18° Maratona di Palermo

  1. un altra vita se ne è andata a causa di un infarto, l altro giorno al telegiornale hanno mandato 2-3 notizie dicendo che dei ragazzi mentre stavano facendo sport hanno avuto un attacco cardiaco.. 🙁

  2. So che non è una cosa bellissima,ma vorrei anche io morire correndo,è la cosa che più amo al mondo….tutto sommato mi spiace per Mutoli…riposa in pace e impara agli angeli come si corre <3

  3. il numero di decessi per infarto sta diventando numeroso.. I decessi che si registrano nel tempo medio in cui si corre una maratona è esattamente eguale al numero di quelli che, nello stesso tempo, si verificano nella vita di tutti i giorni.

  4. Mi dispiace davvero tanto.. Purtroppo sono cose che avvengono all’improvviso ed è anche molto difficile che avvenga ad un atleta.. 🙁 Riposa in pace!

  5. Non mi riferisco a questo caso in particolare, ma secondo me le visite mediche, fatte come si deve, dovrebbero essere richieste in ogni competizione sportiva. E soprattutto ognuno dovrebbe capire se ciò che sta andando a fare (la maratona in questo caso) è adatto al fisico e al tipo di allenamento effettuato precedentemente.

Rispondi a Francesco La Tegola Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *