A Rieti Bracco e Vicentina le padrone dei Cds U23

Gli scudetti Under 23 del 2019 sono stati vinti dalla Bracco Atletica al femminile e dall’ Atletica Vicentina al maschile. Nell’azzurra e bellissima cornice reatina del Guidobaldi i due successi di squadra sono stati dei veri trionfi: la Bracco ha totallizzato 175 punti, ben 23 in più della Sudentesca Rieti Andrea Milardi; la Vicentina, addirittura, ha staccato i secondi classificati del Cus Parma di 27 punti: 173 contro 146.

Stavolta, non è stata l’ultima gara, la 4×400, a determinare le vittorie finali. Però, al maschile è stata comunque vinta dalla formazione di Vicenza in 3”19’72 (Simone Bisortole, Pietro Marangon, Michele Rancan e Michele Bertoldo gli staffettisti). A trionfare nella staffetta del miglio femminile, invece, sono state le rossoblù della Studentesca, con questa formazione a siglare il 3”50’18: Alessia Tirnetta-Flavia Ferrari-Valeria Simonelli-Chiara Gherardi.

Federico Manini si impossessa sia dei 100 (10’71) che dei 200 (21’53, stesso tempo di Mattia Donola della Pro Sesto); nei 200 femminili successo nettissimo per le padrone di casa con il 24’15 di Chiara Gherardi, mentre la prima delle “umane” è Chiara Gala dell’ Acsi Italia Atletica con 25’16.

Ancora una grande prestazione, poi, da parte di Leonardo Fabbri (Firenze Marathon) nel lancio del peso: 20.71m per lui. Anche il peso femminile ha una dominatrice indiscussa: 15.85m per Martina Carnevale della Studentesca Rieti Andrea Milardi.

Sfiorano la doppietta le sorelle Zenoni della Bergamo 1959 Oriocenter. Ovviamente Marta domina i 1500m in 4”25’31, e per poco Federica non vince i 5000m: secondo posto in 17”37’71 dietro a Yeko Chekwemoi dell’ Acsi Italia Atletica (17”24’78).

Per quanto riguarda i salti, il vicentino Manuel Lando si eleva di 2.16m sopra il terreno nel salto in alto per vincere agevolmente la gara. Anche Nicole Romani (La Fratellanza 1984) sbaraglia la concorrenza nell’alto, con 1.75m. La società modenese rischia di raggiungere il massimo punteggio anche nel salto triplo, ma Costanza Gavioli (12.04m) è seconda dietro alla 2001 della Brescia Ispa Group Alice Rodiani (12.07m). Negli 800 vittoria per la portacolori dell’ US Quercia Trentingrana Sophia Favalli, che, al primo anno nella categoria, primeggia in solitaria con il tempo di 2”10’14.

Da sottolineare, inoltre, il 54’27 siglato da Alice Mangione per la Brescia 1950 Ispa Group nei 400 m, come l’1”01’34  di Alice Muraro (Atletica Vicentina) nel giro di pista ad ostacoli.

Un’ altra vittoria di rilievo, infine, è quella del rappresentante del Cus Parma Norberto Fontana nel giavellotto maschile con 69.62m; 69 metri proprio come Giacomo Proserpio (Lecco Colombo Costruzioni), ma nel suo caso nel lancio del martello: 69.25m per conquistare i 12 punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.