Lo sapevi? Abbiamo lanciato l'app di atletipercaso per tutti gli smartphone Apple e Android. Scaricala subito cliccando sul pulsante qui sotto

iOS app su App Store undefined

oppure prosegui con la lettura
footworks

ralph-metcalfePensando alle Olimpiadi del 1936 il richiamo subito vola verso Jesse Owens, e come potrebbe essere altrimenti? Un uomo che da solo ha sconfitto il Nazismo sotto lo sguardo altezzoso e metallico di Hitler.

Eppure, quel fiero figlio dell’Alabama non era da solo: un altro afroamericano ebbe il gusto di battere la compagine ariana e la sua millantata superiorità.

Questo grande atleta si chiamava Ralph Metcalfe, velocista dalle doti eccezionali le quali sono sempre passate in secondo piano rispetto al connazionale più medagliato. La coppia James – Metcalfe, per il loro aver sconfitto un ideale sbagliato, porta alla mente un altro celeberrimo duo olimpico: Tommie Smith e John Carlos, i quali alzarono il pugno col guanto nero, durante la premiazione dei 200m a Città del Messico 1968, per protestare contro le discriminazioni razziali.

Chi era Ralph Metcalfe e quali furono le sue prodezze atletiche oltre Berlino 1936?

Ralph Metcalfe Harold nacque ad Atlanta in Georgia, il 29 maggio del 1910. Quando era ancora giovanissimo si traferì a Chicago con la famiglia, dove riuscì a farsi notare per le grandi doti da velocista, che riusciranno a farlo uscire da quel mondo fatto di discriminazioni razziali che, purtroppo, sono continuate negli Stati Uniti, per moltissimi anni.

Diplomatosi alla Tilden High School ed annesso alla Marquette University con una borsa di studio come atleta, Metcalfe fu subito inserito nella squadra Olimpica del 1932, dopo aver vinto il titolo nazionale AAU e quello NCAA.

Il quel favoloso 1932, Ralph Metcalfe fu inoltre il primo uomo a far segnare un tempo inferiore ai 20 secondi sulle 220 yard (200m) correndo in 19”8 con vento troppo a favore e pista rettilinea, primato ovviamente non riconosciuto dalla IAAF.

Nella finale dei 100m, giunse al photo finish con Eddie Tolan, evento che tenne impegnati i giudici per diverse ore, atti ad esaminare i filmati. All’epoca, la regola voleva che la linea d’arrivo venisse attraversata invece che solo ”toccata” come adesso e per questo l’oro andò a Tolan. Due giorni dopo, Metcalfe si mise al collo anche il bronzo dei 200m, anch’esso purtroppo macchiato dalla sfortuna: dopo una nuova misurazione, si scoprì che la corsia di Metcalfe era 2 metri più lunga, fattore che gli costò almeno l’argento. Metcalfe rinunciò al ricorso per non invalidare la comunque pregevole tripletta a stelle e strisce.

Nei due anni successivi, Metcalfe mise in fila altre due vittorie (sia sui 100 che sui 200) ai Campionati AAU e NCAA, unico a fare tripletta per tre anni consecutivi.

Tra il 1933 e 1934, inoltre, l’atleta della Marquette University eguagliò otto volte  il primato mondiale dei 100m (10”3) ed una volta quello dei 200m (20”6).

Arrivati alla mitica spedizione Olimpica del 1936, Metcalfe arrivò a Berlino come il numero due rispetto a Jesse Owens, con il quale però non c’era rivalità ma una sana amicizia agonistica.

Nella finale dei 100m, opera prima del trionfo olimpico di Owens, Metcalfe perse il passo del connazionale soprattutto in partenza, e fu costretto a recuperare nel finale ma la storia la sappiamo tutti: vinse Jesse Owens con 10”3 , secondo Metcalfe con 10”4. Se fosse partito bene, forse il film Race non avrebbe portato avanti la figura di Owens ma quella di Metcalfe, il quale però si consolò in seguito con la staffetta 4×100 vinta in 39”8 col primato mondiale.

Dopo quell’edizione dei Giochi, si laureò e conseguì un master presso l’università della California a Los Angeles. Spinto da grande entusiasmo, Metcalfe iniziò parallelamente la carriera di professore di scienze politiche e quella di allenatore alla Xavier University di New Orleans, senza quindi mai abbandonare la sua grande passione.

La guerra però bussò anche alla porta di Metcalfe, il quale andò al fronte distinguendosi per ardimento e solidarietà verso tutti coloro che avevano bisogno. Alla fine del conflitto, fu insignito della Legion of Merit, medaglia al valore militare consegnata per atti di eccezionale servizio militare.

Dismessi i panni del soldato, Ralph Metcalfe tornò a Chicago con l’idea di far entrare la politica nella sua vita, per combattere contro la discriminazione degli afroamericani.

Dotato di gran carisma, l’ex atleta riuscì a farsi eleggere nel consiglio comunale di Chicago nel 1955 e restandoci per lungo tempo, quando nel 1971 ottenne la poltrona all’interno del Congresso degli Stati Uniti.

Dopo essere stato inserito nella Track and Field Hall of Fame nel 1975 , il 10 ottobre del 1978, Ralph Metcalfe si spense per problemi cardiaci, lasciando un gran vuoto all’interno del movimento Olimpico americano.

Chissà cosa sapremmo ora, se quel giorno del 1936, la dea bendata avesse dato a Metcalfe una spinta in più per battere Owens ed entrare nella leggenda. Queste sono ipotesi che nessuno può appurare, ma c’è da rendere comunque merito ad un grande atleta che, come Owens, portò avanti quella grande vittoria sull’ipocrisia nazista che tutti noi ricordiamo.

Foto: Columbia University

Argomenti:

Lascia un commento


 

Traduzioni

  • German (Austria)
  • Deutsch
  • Danish
  • English
  • Suomi
  • Français
  • Magyar
  • Italiano

FOTO: Campionati Eur...

Saranno quattro giornate impegnative quelle che vedranno salire sulla pista blu dello  [ Leggi Tutto ]

GROSSETO2017: Orario...

La pista azzurra dello stadio “Carlo Zecchini” di Grosseto è pronta ad  [ Leggi Tutto ]

FOTO: 42° Gran Prem...

A distanza di una settimana siamo tornati ancora sul luogo del delitto.  [ Leggi Tutto ]

FOTO: 42° Gran Prem...

Dopo un po’ di assenza, torniamo a fare foto in Trentino! Domenica  [ Leggi Tutto ]

Chevrier e gli azzur...

Euro Kamink 2017 – Il Mountain Running Italian Team tinge d’azzurro i  [ Leggi Tutto ]

AMSTERDAM2016: Tambe...

L’ultima giornata di gare per il team italiano è stata la più  [ Leggi Tutto ]

Positivo anche il ca...

Dopo Londra2012, niente Rio2016 per Alex Schwazer, salvo colpi di scena eclatanti,  [ Leggi Tutto ]

Daniele D'Onofrio e ...

Si è oggi corsa tra le strade cittadine della città toscana di  [ Leggi Tutto ]

I nomi dei 110 convo...

Ufficializzata oggi la lista dei 110 atleti che prenderanno parte ai raduni  [ Leggi Tutto ]

PECHINO: Tutti gli o...

Manca meno di una settimana all’inizio dei Mondiali di Pechino e l’attesa  [ Leggi Tutto ]

FOTO: Campionati Eur...

Saranno quattro giornate impegnative quelle che vedranno salire sulla pista blu dello  [ Leggi Tutto ]

Eugenio Rossi vince ...

Livorno questa sera è stata la protagonista del salto in alto italiani  [ Leggi Tutto ]

FOTO: Campionati Reg...

E’ tempo di Campionati Regionali Assoluti anche in Lombardia, dove lo scorso  [ Leggi Tutto ]

FOTO: Campionati Reg...

Lo scorso fine settimana ad Arezzo si sono svolti i Campionati Toscani  [ Leggi Tutto ]

FOTO: Riunione Regio...

Ieri mattina abbiamo fatto un salto anche a Milano per la Riunione  [ Leggi Tutto ]

Social

facebook twitter instagram youtube Google+ rss

Android app on Google Play iOS app su App Storerss

Sponsor