CAMPI BISENZIO (FI): C.d.S. di Corsa Campestre Finale Nazionale raccontati dall'Atl. Aden Exprivia Molfetta

Risultati (fonte fidal.it)

I C.d.S. secondo…: Aden Exprivia Molfetta (BA)

Squadra Allievi: Luigi Rosito, Michele Laurieri, Michele Fortunato, Alessandro Nappi
Squadra Cross Corto M: Rodolfo Guastamacchia, Mark Ridger, Luigi Zullo
Squadra Junior M: Bete Marinelli

Santeramo – Campi Bisenzio: 760km = 8h di viaggio. Rigorosamente in auto.
Questo è quello che ha dovuto sopportare Luigi Zullo, il primo a partire. Noto per la sua fame di Gratta e Vinci ha sempre la sua monetina portafortuna a portata di mano (ma non vince mai niente). Infatti ad ogni sosta agli Autogrill non mancava mai il rito del Gratta e Vinci.

L’altro Luigi (Rosito) invece ha passato il viaggio a giocare alla sua nuova psp. Ripeteva sempre la stessa partita di PES 2009 perchè non riusciva mai a vincere e ogni volta riavviava il gioco perchè il fratello non vuole avere partite pareggiate o perse nelle statistiche. Inoltre aveva la sua sete di poker e dato che Michele (Fortunato) non aveva portato le carte francesi, ad ogni Autogrill voleva assolutamente comprarle, ma per sua sfortuna non ne abbiamo trovato uno che ce le aveva.
Mark invece faceva l’assistente dell’accompagnatore, che aveva dichiarato guerra aperta al navigatore satellitare, così Mark faceva da mediatore e raggiunsero un accordo: l’allenatore guidava e Mark se la vedeva con il navigatore.
Una volta usciti dall’autostrada per un piccolo problema elettrostatico le due macchine si sono divise, così una è andata sul capo di gara a vedere quanto faceva schifo il percorso dopo 5 giorni di pioggia, e l’altra è arrivata all’albergo.

All’albergo per ingannare il tempo Michele (Fortunato) ha iniziato un’agguerrita partita di solitario con le carte napoletane, mentre gli altri prendevano la chiave per la camera. Quando poi sono arrivati tutti, ci siamo cambiati e siamo andati a fare un po di corsa per sgranchire le gambe dopo il lungo viaggio. Dato che era buio abbiamo messo davanti Michele Laurieri e Luigi Zullo con le loro utilissime magliette giallo fosforescente, adattissime per un impiegato dell’ANAS.

Mentre facevamo stretching ci è passata davanti Elena Romagnolo, che ha attirato subito l’attenzione di Mark.
Una volta arrivati a cena Bete si è dato ad una accanita partita a Poker Hold’em con il suo iPod Touch, mostrando a tutti quanto fosse bravo e dando consigli sbagliati agli altri per farli perdere. Tutti inoltre guardavano la cameriera e ascoltavano le liti che faceva al telefono col fidanzato. Ormai eravamo così interessati che sembrava una telenovela.
Michele (Fortunato) invece, dimostrava di essere di “scuola Stola” dicharando di voler usare i chiodi da 12mm per la gara e rischiare di tagiare le gambe di tutti alla partenza.
Dopo cena invece, Michele (Fortunato), Michele (Laurieri), Luigi (Rosito) e Mark hanno fatto una partita di scopone scientifico, in cui i due Michele hano dato prova di quanto fossero scarsi, servendo 7 e scope da tutte le parti. Dopo questa esilarante partita siamo andati tutti a dormire per prepararci alla gara del giorno dopo.

La mattina della domenica, Michele (Fortunato) metteva in mostra la sua innumerevole lista di contatti MSN fermandosi ogni due secondi a salutare qualcuno. Luigi (Rosito) ha proposto di creare una nuova community chiamata Luckybook.
I primi a gareggiare (anzi, a nuotare nel fango) erano gli allievi, che hanno chiuso all’8° posto di squadra con Luigi Rosito (20°), Michele Laurieri (44°), Michele Fortunato (56°) e Alessandro Nappi (107°).
Michele (Fortunato), terminata la gara, ha dicharato: “dopo aver gareggiato in questa maniera, tutte le altre campestri che farò sembreranno delle normalissime gare su pista”. Inoltre,ha dimostrato di aver scelto bene i chiodi ed quando è andato dal suo “maestro” Vincenzo Stola e gli ha detto di aver usato i chiodi da 12mm, lui ha risposto “Io ho usato quelli da 18mm”, dimostrando che l’allievo non può superare il maestro. Dopo un panino alla porchetta e innumerevoli foto scattate, Michele è andato a lavare le gambe con l’acqua ghiacciata giusto nel momento in cui era finita l’acqua, rimanendo così a congelare con le gambe bagnate ad aspettare che tornasse l’acqua.

Gli altri tre allievi (Michele Laurieri, Luigi Rosito e Alessandro), invece, sono stati più furbi e sono andati a cercare la navetta che portava alle docce. Una volta trovata, però, hano dovuto fare a pugni per riuscire a superare la massa di atleti infangati e salire su una navetta. Erano così tanti che in un’auto da 9 posti ne avevano fatti entrare 25! Anche loro però sono stati sfortunati perchè appena sono arrivati era finita l’acqua calda.
Finite tutte le gare ce ne siamo andati e una volta in macchina per tornare a casa, nessuno aveva più la forza di fare niente e si sono messi tutti a dormire (tranne chi doveva guidare naturalmente).

Questa è stata la trasferta dell’Aden Exprivia Molfetta ai C.d.S. Italiani di Corsa Campestre a Campi Bisenzio (FI).

Se volete raccontare come ha passato il viaggio e la gara la vostra società, non esitate a mandarmi i vostri racconti (anche non lunghi come questo, diciamo che mi sono fatto prendere la mano XD)

Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *